Sfide e nuovi orizzonti per l'orientamento

2. Diversità, sviluppo professionale, lavoro e servizi territoriali

Salvatore Soresi e Laura Nota

DESCRIZIONE

L’orientamento, per poter effettivamente aiutare le persone a scegliere e a realizzare i propri progetti professionali, deve dimostrarsi in grado di personalizzare i propri interventi in modo che risultino effettivamente congruenti alle caratteristiche e necessità dei loro destinatari. A questo riguardo esistono differenze molto evidenti, come le differenze di genere, quelle causate da menomazioni, da difficoltà di apprendimento, o quelle dovute a povertà, a motivi linguistici, etnici, culturali, religiosi. Tali differenze oltre a richiedere sensibilità osservative e valutative necessitano molto spesso di aiuti consistenti per ridimensionare difficoltà ad esse associate e per smuovere ostacoli e barriere. Enfatizzare le diversità significa invocare all’orientamento un ruolo significativo di tipo preventivo e nuovi e più intesi sforzi affinché si realizzino interventi efficaci. Come si potrà costatare esaminando i contributi riportati in questo volume, di studiosi e ricercatori di diversi Paesi, l’orientamento può oggi avvalersi di modelli e strategie di intervento che possono aiutare a evidenziare le differenze interindividuali e a rispondere adeguatamente alle diverse esigenze e aspettative di persone spesso a rischio di intraprendere percorsi formativi e lavorativi insoddisfacenti.


Salvatore Soresi, insegna presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Padova dove dirige il Master in Psicologia dell’orientamento. È direttore del Centro di Ateneo di servizi e ricerca per la Disabilità, la Riabilitazione e l’Integrazione, Presidente della Società Italiana di Orientamento (SIO) e editor del Giornale Italiano di Psicologia dell’Orientamento. È stato recentemente insignito dall’American Psychological Association dell’International Advancement of the Counseling Profession di un premio per le attività di ricerca cross-culturali da lui dirette e per lo spirito di intraprendenza e di leadership nel settore del career counseling. È supervisore nell’ambito dell’Association for the Analysis and Modification of Behaviour.
È membro del gruppo internazionale di ricerca Life Design International Research Group e del Career Adaptability International Collaborative Group. Rappresenta l’Italia nel progetto nominato University Network for Innovation in Guidance finanziato all’interno del Lifelong Learning Programme della Comunità Europea. Nell’ambito della psicologia dell’orientamento gli interessi di ricerca riguardano la messa a punto di strumenti di assessment quantitativi e qualitativi, la valutazione dell’efficacia delle attività e la formazione dei professionisti di orientamento. È autore di circa duecentocinquanta pubblicazioni, di oltre venti volumi e di alcuni importanti strumenti per l’assessment, fra cui ricordiamo i portfoli Optimist e Clipper e il progetto Magellano (Giunti O.S. Organizzazioni Speciali, Firenze) che ha ricevuto l’Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica.

Laura Nota, insegna Psicologia dell’orientamento scolastico e professionale presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Padova dove dirige il Laboratorio di Ricerca e Intervento per l’Orientamento alle Scelte (LaRIOS). È membro del comitato direttivo della Società Italiana di Orientamento (SIO) e national correspondent dell’International Association for Educational and Vocational Guidance (IAEVG). È membro del collegio docente del Master in Psicologia dell’orientamento dell’Università di Padova e di numerose riviste scientifiche come il Giornale Italiano di Psicologia dell’Orientamento, il The Counseling Psychologist e il Journal of Career Development. È inoltre membro del comitato dei revisori dell’International Journal for Educational and Vocational Guidance e del British Journal of Guidance & Counselling.
Gli interessi di ricerca riguardano i processi decisionali, le credenze di efficacia, l’adattability, la verifica dell’efficacia di interventi per lo sviluppo professionale di adolescenti, l’orientamento per persone disabili. Fa parte, assieme a Jean-Pierre Dauwalder, Maria Eduarda Duarte, Jean Guichard, Jérôme Rossier, Mark Savickas, Salvatore Soresi, Raoul Van Esbroeck e Annelies E.M. van Vianen del gruppo internazionale di ricerca Life Design International Research Group e del Career Adaptability International Collaborative Group. Rappresenta l’Italia nel progetto nominato University Network for Innovation in Guidance finanziato all’interno del Lifelong Learning Programme della Comunità Europea. È autrice di più di cento pubblicazioni, di una decina di volumi (tra cui Interessi e scelte, Autoefficacia nelle scelte e Scelte e decisioni scolastico-professionali di questa collana) e articoli nell’ambito della psicologia dell’orientamento che sono comparsi nelle più prestigiose riviste internazionali di settore.

Data di pubblicazione: 2011

Spese di spedizione